5 mostre da non perdere con i bambini

5 mostre da non perdere con i bambini

Tra esperimenti scientifici, esperienze tattili, viaggi nelle fiabe e nella fantasia, viaggi del tempo e nella storia accompagnati dalla musica, ecco 5 mostre da non perdere con i bambini

Nikola Tesla Exhibition a Milano

Fino al 22 marzo lo Spazio Ventura XV di Milano ospita la prima e unica tappa italiana della mostra Nikola Tesla Exibition. La mostra-museo interattiva più grande al mondo dedicata al visionario inventore.

Interamente interattiva la mostra si snoda in un parco scientifico di oltre 1500 mq tra scenografie spettacolari, ologrammi, postazioni scientifiche e riproduzioni delle macchine ispirate ai suoi numerosi progetti.

La mostra si divide in due sezioni, nella prima, che si visita accompagnati da una guida, si può anche entrare nella riproduzione reale del laboratorio di Colorado Springs, dove Tesla si traferì nel 1899 e dove riprodusse i famosi fulmini artificiali. La seconda area si apre invece ad un’esplorazione libera e interattiva dove si possono approfondire in modo divertente i principi dinamico-elettrici studiati da Tesla.

Real Bodies a Venezia

5 mostre da non perdere con i bambiniUn affascinante viaggio alla scoperta del corpo umano con una sezione speciale dedicata a Venezia dove si possono incontrare il Mastro Vetraio al lavoro e il Gondoliere. Nell’antico e nobile Palazzo Zaguri con la mostra Real Bodies (fino al 5 maggio) può approfondire ed osservare da vicino il corpo umano plastinato del maestro del vetro di Murano, mentre soffia e produce un’opera di vetro di fronte ad una fornace, e il primo gondoliere plastinato collocato su una gondola vera per osservare i movimenti dei muscoli utilizzati nelle classiche posizioni della voga alla veneta.

Un viaggio straordinario alla scoperta dell’incredibile ingegneria del copro umano potendo osservare la dinamicità del nostro sistema scheletrico, la forza del sistema muscolare, di quello nervoso e cardiovascolare.

Nel Paese delle Fiabe a Sarmede (TV)

Fino al 16 febbraio a Sarmede (TV), il “Paese delle fiabe” prosegue la mostra Le immagini della fantasia 37”. Oltre 100 autori di tutto il mondo sono ospitati nella Casa della Fantasia, sede permanente della Fondazione Stépán Zavřel, uno spazio interamente dedicato al libro illustrato e all’immaginazione, per un viaggio tra i diversi linguaggi dell’illustrazione per l’infanzia.

Mostra-ti-mostro è una sezione speciale dedicata ai mostri e alle creature mitologiche e leggendarie che ospita le creazioni di nove illustratori internazionali. 

Nei weekend sono in programma diversi eventi per le famiglie tra letture animate, presentazioni di libri, incontri con gli scrittori e laboratori creativi per bambini e ragazzi dai 3 ai 13 anni.

Toccare la bellezza ad Ancona

E’ possibile percepire, riconoscere ed apprezzare la bellezza anche tramite il tatto? Maria Montessori (di cui nel 2020 si celebreranno i 150 anni della nascita) e Bruno Munari all’esperienza tattile hanno dato grande valore.

Toccare la bellezza Maria Montessori Bruno Munari, la mostra ospitata nella Mole Vanvitelliana di Ancona sede del Museo Tattile Statale Omero, un museo unico nel suo genere, dedicato ai disabili visivi e a tutti coloro che vogliono fare un’esperienza diversa dell’arte, offre un percorso divertente e insolito e allo stesso tempo un’ampia riflessione a partire dalla didattica fino all’inclusione sociale.

Tutto l’allestimento dell’esposizione ha come filo conduttore il tatto, al quale sono ispirati i nuclei tematici che scandiscono il percorso – le forme, i materiali, la pelle delle cose, manipolare e costruire, alfabeti e narrazioni tattili – e l’obiettivo della mostra è quello di promuovere per tutti, nessuno escluso, una significativa esperienza della tattilità dal punto di vista artistico ed estetico.

Lava, porcellana, musica a Napoli

Fino al 21 giugno il Museo e Real Bosco di Capodimonte ospita un’insolita mostra che racconta la storia di Napoli, come una favola tra musica e allestimenti. Le 18 sale dell’Appartamento Reale del Museo di Capodimonte, palcoscenico d’eccezione sul quale vanno in scena il Teatro di San Carlo e le porcellane di Capodimonte con la musica che fa da filo conduttore. L’allestimento racconta la storia di Napoli capitale del Regno nel corso del Settecento e oltre, dagli anni di Carlo di Borbone a quelli di Ferdinando II, come una favola, con il susseguirsi di scene della vita quotidiana  tra oltre 1000 oggetti, strumenti musicali, oggetti d’arredo e animali tassidermizzati oggi conservati al Museo Zoologico di Napoli.

 

Post Your Thoughts

Iscriviti alla Newsletter
Resta in contatto con Trip4Kids e tieniti aggiornato sulle ultime novità.
Spazio sponsorizzato