Borghi e presepi dove si respira la magia del Natale

Borghi e presepi dove si respira la magia del Natale

I luoghi più belli dove vivere le luci e le atmosfere del Natale rispettando le distanze di sicurezza, in percorsi open air senza rinunciare ad un tocco di magia in questo Natale così difficile e complicato.

Fra i monti della Carnia, in Friuli Venezia Giulia

A Sutrio si può ammirare una straordinaria rassegna di presepi, di varie dimensioni e fogge e trascorrere in tutta sicurezza una piacevole giornata all’aria aperta.

Siamo ai piedi dello Zoncolan, dove nel periodo natalizio si svolge da anni la rassegna Borghi e Presepi. Una tradizione che anche quest’annononostante il difficile periodo – Sutrio ha voluto rinnovare, come simbolo di speranza per tutti.

Fino al 6 gennaio 2021, oltre 50 presepi prevalentemente di legno, ma realizzati anche con altri materiali, sono collocati en plein air nei cortili, sotto i portici delle caratteristiche case del centro storico del paese, nelle piazzette e lungo le stradine lastricate di pietra. Il paese è addobbato a festa, con grandi alberi di Natale in legno da riciclo creati dagli artigiani del paese, luci, corone e composizioni natalizie. I presepi esposti sono realizzati non solo da artigiani ed artisti, ma anche dagli abitanti di Sutrio, che li espongono all’esterno delle proprie abitazioni, sui davanzali delle finestre, nelle nicchie dei muri.

A Cesenatico, un presepe galleggiante

A Cesenatico, sulla riviera romagnola, al calare della sera lo spettacolo prende vita, sulle barche del Museo della Marineria. Più di cinquanta personaggi a grandezza naturale di legno e tela, riproducono la scena della nascita di Gesù in un piccolo e suggestivo borgo di pescatori.

 E’ il Presepe della Marineria che illumina il leonardesco Porto Canale di Cesenatico, fino al 10 gennaio 2021.

Un suggestivo presepe creato dalle barche della Sezione Galleggiante del Museo della Marineria; nato nel 1986 dal lavoro degli artisti Tinin Mantegazza, Maurizio Bertoni e Mino Savadori.

Nel borgo dei 1000 presepi

Borghi e presepi dove si respira la magia del NataleFino all’Epifania il Castello di Ossana diventa il “Borgo dei 1000 presepi”. Siamo in Val di Sole, dal Borgo di Ossana si dipana una passeggiata che porta fino al Castello di San Michele, arroccato su uno sperone di roccia, in posizione strategica, con il suo Mastio altro 25 metri.

Fino al 6 gennaio un suggestivo percorso che parte dalla Stella Cometa allestita nel centro di Ossana si snoda lungo le stradine e i vicoli fino alle mura di Castel San Michele. Un’occasione per ammirare presepi costruiti con creatività e originalità, utilizzando materiali inusuali come stoffa, legno, sementi o foglie di granoturco e allestiti negli scorci più particolari del borgo e negli angoli delle case, come gli avvolti, le vecchie stalle, le finestre sulla strada o le caratteristiche cataste della legna.

Rango, il borgo del Natale

Si passeggia senza fretta tra i volt, le piazzette e gli androni della antica architettura contadina di Rango incontrando piccoli e grandi tesori come il presepe sulla fontana. La fontana quadrata della piazza centrale, simbolo del borgo, un tempo abbeveratoio per le greggi e oggi placido ritrovo della gente per conversare, ospita uno straordinario presepe artigianale, interamente fatto a mano: un borgo nel borgo. E poi lungo la passeggiata si incontrano due grandi alberi di Natale, anch’essi illuminati di notte, mentre nei punti più suggestivi e caratteristici, dai volt, alle vecchie stalle, sono stati allestiti i presepi, grandi e piccoli,  realizzati dagli artigiani del luogo.

La festa del fuoco sull’Amiata

Il 24 dicembre 2020, si rinnova l’appuntamento con una delle più antiche feste del fuoco italiane dedicata al Natale. La Città delle Fiaccole di Abbadia San Salvatore (Monte Amiata – Siena) si prepara allo spettacolare “Natale di fuoco” con suoni e canti natalizi (cittadellefiaccole.it).

Snow Festival in Alta Pusteria

Ai primi di gennaio si accendono invece le luci dello Snow Festival prima a San Vigilio, dal 13 al 15 gennaio, e poi, dal 18 al 20 gennaio, a San Candido regalando un paesaggio magico, soprattutto al calar del sole, quando le sculture realizzate da 10 gruppi di artisti saranno illuminate a festa creando bizzarri giochi di luce.

Potrebbe anche interessarti:

Rango (TN), il borgo del Natale 

Neve sicura in Val d’Ega

 

 

Post Your Thoughts

Iscriviti alla Newsletter
Resta in contatto con Trip4Kids e tieniti aggiornato sulle ultime novità.
Spazio sponsorizzato