Festival della Mente 2019 per bambini e ragazzi

Festival della Mente 2019 per bambini e ragazzi

Il Festival della Mente 2019 si tiene dal 30 agosto al 1 settembre, come sempre a Sarzana. E come sempre ci sarà un vero e proprio festival nel festival dedicato ai più giovani, in cui tra laboratori, spettacoli e passeggiate organizzati per le diverse fasce di età che ruoteranno attorno al tema di quest’anno dedicato al Futuro.

Sono 20 gli appuntamenti in programma costruiti ad hoc per i più giovani e che spazieranno fra scienza, arte e tecnologia.

I LABORATORI

Festival della Mente 2019 per bambini e ragazzi

Il laboratorio Terra, pianeta inquieto del geologo e naturalista Dino Ticli coinvolgerà i giovani partecipanti in un viaggio immaginario alla scoperta delle “inquietudini” della Terra tra fulmini, alluvioni, eruzioni vulcaniche, terremoti e altri fenomeni.

Programmare è un gioco da ragazze sarà un’occasione per cimentarsi con le basi della programmazione e creare app, siti web, giochi, robot. È questa la proposta di Girls Code It Better per avvicinare le ragazze alle materie STEM.

La faccia ludica della matematica andrà in scena con Tutti in festa con Pi greco e la geometria. Insieme ad Anna Cerasoli, che si dedica da anni alla divulgazione della matematica in forma narrativa, si progetteranno sculture geometriche, e si inventeranno giochi, gare, accessori e dolci ispirati al Pi greco.

Se vedo, credo? Siamo in grado di distinguere il vero dal falso?  La cooperativa sociale Densa condurrà i ragazzi ad analizzare le tecniche di montaggio video, utilizzando in particolare il Chroma key una tecnica che crea effetti di sovrapposizione.

Per celebrare il 50o anniversario dell’allunaggio, il laboratorio condotto da Valentina Zilibotti Alla scoperta della luna farà scoprire ai piccoli curiosità legate alla missione spaziale Apollo 11.

All’interno del workshop organizzato dalla Scuola di Robotica Lo zoo dei robot sarà possibile costruire uno zoo di animali robotici cercando di immaginare e riprodurre il comportamento di questi personaggi speciali e spaziali.

A cavallo tra problemi ambientali e fake news, il divulgatore scientifico Andrea Vico propone il laboratorio Capire per scegliere, per sviluppare lo spirito critico nei ragazzi.

È possibile Toccare il cielo con un dito­? Grazie al planetario gonfiabile dell’associazione culturale parmense Googol si potrà farlo. Miti, leggende, poesie e narrazioni accompagneranno uno straordinario viaggio nello spazio. Conducono le attività la fisica Emanuela Colombi e l’astrofisica Alessandra Zanazzi.

Arte, creatività e design

La città suona è un progetto multisensoriale della cooperativa sociale Densa dedicato a suoni, rumori e voci della città contemporanea, in cui la tecnica di narrazione del teatro d’immagini giapponese Kamishibai si mescola alle attività da sperimentare grazie all’installazione costruita con i sensori digitali Makey Makey.

Dalla collaborazione fra l’autrice Silvia Vecchini e l’autore e illustratore Sualzo, alias Antonio Vincenti, nasce Come in un fumetto, laboratorio tra realtà e fantasia in cui raccontare di se stessi attraverso il disegno e la scrittura.

E tu che paura hai? L’illustratrice e autrice Francesca Sanna guiderà i giovani partecipanti in un viaggio narrativo che al centro ha la Paura con un laboratorio speciale per confrontarsi con le paure e mostrare che, in fondo, con le paure ci si può anche divertire.

Posterity. La sfida della grafica e illustratrice Teresa Sdralevich ha come punto di partenza un apparente errore di stampa: «Festival della Mente 2091». Grafici e grafiche in erba saranno chiamati ad immaginare questo evento del futuro.

Il gioco è il protagonista dell’incontro-spettacolo di venerdì 30 agosto al Talent Garden Sarzana Leonardo, il genio che vide il futuro, condotto dai ludomastri Carlo Carzan e Sonia Scalco. Sulle orme del genio più complesso e poliedrico di sempre, si scoprirà attraverso il gioco come sfruttare al meglio le potenzialità del nostro cervello.

Ecologia e riciclo

Ecologia e creatività si fondono nel workshop didattico guidato da Martina Berra Raccoglitori di calle. Non solo un allenamento a scelte di consumo differenti, ma anche la sperimentazione di insolite tecniche artistiche a partire dai vegetali, per cogliere tutte le possibilità che ci offre la natura.

Al termine del laboratorio gli artisti in erba torneranno a casa con un piccolo libro fatto da loro.

Qual è la visione che i bambini hanno del futuro e dell’ambiente che li circonderà? MuBe, il Museo interattivo senza pareti dei Bambini di Bergamo, propone Proiettati nel futuro: attraverso l’utilizzo di materiali naturali, di riciclo e di scarto industriale, e ispirandosi alla tecnica del videomapping, si proverà a figurare il mondo su un grande muro che diventerà la tela di questo esercizio immaginativo.

LE PASSEGGIATE

La capsula del tempo, una piccola maratona fotografica che si trasformerà in una caccia al tesoro per le vie del centro di Sarzana, sotto la guida dei librai trentini Elisa Vettori e Federico Zappini, che gestiscono la libreria-laboratorio creativo Due punti di Trento. Obiettivo: costruire una speciale capsula del tempo.

Con la compagnia del Teatro dell’Orsa, si partirà per il trekking poetico Futura. Cartoline alla vita, un’avventura all’ascolto del mondo, a caccia di storie, immagini e visioni oltre il presente. Ne uscirà un collage di storie, immagini e colori: tante cartoline dedicate al futuro.

Il conduttore e autore televisivo e radiofonico Federico Taddia guiderà i bambini in una piccola rivoluzione. La rivoluzione si fa a piedi! è un percorso ludico per imparare a stare meglio con se stessi, con gli altri e con il pianeta. Sconsigliato a chi pensa che un piccolo gesto non possa cambiare le cose.

 

Potrebbe anche interessarti

Liguria a tutta avventura

Sulla rotta delle balene in Liguria

 

Post Your Thoughts

Iscriviti alla Newsletter
Resta in contatto con Trip4Kids e tieniti aggiornato sulle ultime novità.
Spazio sponsorizzato